Province

Smart Cities

Smart cities, ovvero città intelligenti.

Con il termine Smart cities si vuol identificare un nuovo modo di intendere la città. Non più solo un aggregato più o meno grande di edifici connessi fra loro da infrastrutture, Smart cities significa vedere la città come un essere unico composto da infrastrutture e persone che all'interno di essa ci vivono e ci lavorano.

Smart cities vuol dire, soprattutto, trasformare le città, facendole diventare più efficienti con una gestione sostenibile delle risorse e delle decisioni, in modo da risparmiare di più e inquinare di meno.

Alta tecnologia a basso impatto ed alta efficienza, riduzione dei consumi energetici, promozione di trasporti puliti, miglioramento della qualità della vita dei suoi abitanti all'insegna delle basse emissioni di anidride carbonica.

 

Ci sono molti parametri per definire una Smart cities: Smart Economy, Smart Mobility, Smart Enviroment, Smart healt, Smart People, Smart Living e Smart Governance.

 

Smart Economy: una città Smart approfitta dei vantaggi che derivano dalle opportunità offerte dalle tecnologie ICT per aumentare la prosperità locale e la competitività. Quindi una città smart deve essere in grado di attrarre nuove imprese con una pianificazione territoriale intelligente.

 

Smart Mobility: sostenere l'innovazione nell'ambito della mobilità marittima, urbana, su gomma e/o su rotaia attraverso lo sviluppo di tecnologie e soluzioni ICT finalizzate a migliorare l'interoperabilità dei sistemi informativi logistici marittimi o tra i sistemi di infomobilità marittima, urbana, su gomma e/o su rotaia, anche in attuazione delle disposizioni della normativa comunitaria vigente in materia.

 

Smart Enviroment: Qualità dell'ambiente urbano. Energie rinnovabili, eco-building, quartieri ad alta sostenibilità ambientale sono tra gli argomenti di sperimentazione con le maggiori dotazioni finanziarie a livello Europeo: il 25% dei fondi del VII Programma Quadro sono orientati all'energia e per l'VIII Programma Quadro le previsioni fanno emergere una polarizzazione sulle piattaforme tecnologiche, nelle quali prevale l'aspetto della sostenibilità energetica dei sistemi, dei processi, del territorio.

Smart health: sostenere l'innovazione del sistema sanitario, attraverso lo sviluppo di tecnologie e soluzioni funzionali che consentano l'attivazione di nuovi modelli di attività nell'area della salute e del benessere con lo sviluppo di servizi di e-sanita a livello sovra/regionale, locale e individuale, il miglioramento del modello di interazione tra strutture sanitarie.

 

Smart People: Qualità sociale. Nuove soluzioni, sistemi, tecnologie di miglioramento della qualità  e vita nella città. E' uno sforzo che, in un decennio, contribuirà a formare una nuova classe dirigente molto più innovativa, coraggiosa e talentuosa di quella odierna.

Smart Living: sistemi sempre più "cuciti" sulle esigenze delle persone, progetti di "Smart Living", che permettano di vivere all'interno della propria casa in modo semplice, confortevole, sicuro. Soluzioni in grado di facilitare le attività che si svolgono all'interno della propria casa attraverso interfacce intuitive, prodotti multifunzioni, semplici da usare ma tecnologicamente evoluti.

 

Smart Governance: sostenere l'innovazione dei servizi al pubblico, con particolare riguardo al settore E-government e alle imprese, con particolare riferimento alle PMI, mediante lo sviluppo di prototipi funzionanti che contribuiscano ad adottare e diffondere piattaforme "cloud" e le relative applicazioni e servizi. Le nuove tecnologie dovranno essere in grado di migliorare la qualità e l'accessibilità dei servizi, garantire elevati standard di interoperabilità tra sistemi "cloud" differenti, promuovere implementazioni di riferimento basate su soluzioni "open source", ridurre i costi di adozione da parte delle imprese di nuove tecnologie ICT, incrementando il ritorno degli investimenti e riducendo il "time to market" dei loro prodotti/ servizi.

 

Smart education: sostenere l'innovazione del sistema educativo e dell'istruzione e formazione, attraverso lo sviluppo di architetture informative, soluzioni tecnologiche e componenti di sistema ICT, funzionali e abilitanti, che consentano l'attivazione e l'implementazione di nuovi modelli di apprendimento/insegnamento individuale e di classe, la realizzazione di sistemi di valutazione avanzati, sviluppo di servizi di e-education, nonché il miglioramento dei modelli di interazione delle strutture educative e dell'istruzione e formazione con il mondo pubblico e privato del lavoro.